Svelato il mistero del faraone Ramses III

Ramses III
Leggi tutto: Svelato il mistero del faraone Ramses III
Sembrava uno degli enigmi della storia destinati a rimanere insoluti, il mistero è ora invece risolto. Ramses III salì sul trono dell'Antico Egitto nel 1188 a. C., al 32esimo anno della sua reggenza trovò la morte. Un documento conservato a Torino, il cosiddetto Papiro Giuridico di Torino, descrive una congiura ordita contro di lui, con l'obiettivo di rovesciare il trono. Accusati di esserne autori furono la sua concubina Tiye insieme al figlio.

Leggi tutto

Sfinge recuperata dalla Finanza

La sfinge recuperata
Leggi tutto: Sfinge recuperata dalla Finanza
Una sfinge egizia di 120 x 60 centimetri è stata recuperata, dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma, nell'area della necropoli di Montem Rossulum.

Stava per essere portata all'estero: era già imballata in una cassa nascosta in una serra.

Leggi tutto

Ritrovamenti di archeologi italiani in Egitto

Ritrovate due statue
Leggi tutto: Ritrovamenti di archeologi italiani in Egitto
Egitto - Il Cairo, 3 dicembre 2012 - Un team di archeologi italiani ha scoperto due statue greco-romane in un antico tempio in Egitto. Le sculture, scolpite in pietra arenaria, ritraggono due leoni seduti e adornavano le fontane d'acqua utilizzate come parte del sistema di drenaggio del tetto del tempio, risalente all'epoca della dinastia tolemaica, dal 305 al 30 avanti Cristo.

Leggi tutto

Riapre la tomba di Merenptah

Luxor, si celebra Tutankamen, riapre la tomba di Merenptah. Immagini dall'affascinante Valle dei Re di Luxor, Egitto. In questi giorni, la città festeggia il 90mo anniversario della scoperta della tomba di Tutankhamen. Per l'occasione, è stata riaperta quella del faraone Merenptah. Nonostante il riacutizzarsi delle tensioni politiche interne, il turismo non manca.

Leggi tutto

La pianta di Alessandria d'Egitto - Allineamento

Tesori sommersi ad Alessandria
Leggi tutto: La pianta di Alessandria d'Egitto - Allineamento
La pianta di Alessandria d'Egitto sarebbe stata progettata in modo da allineare la sua strada principale con la posizione del sole all'alba del giorno della nascita di Alessandro Magno. La costruzione nel 331 a.C. della città sede del mitico Faro e della Biblioteca più grande dell'antichità sarebbe quindi iniziata per celebrare la potenza e la natura divina del suo fondatore, non per scelta politico - strategica. L'intuizione, pubblicata nel numero di novembre dell'Oxford Journal of Archeology in un articolo di Luisa Ferro e Giulio Magli del Politecnico di Milano, getta una luce nuova sullo studio delle città greche post alessandrine e di numerosi siti romani in Italia la cui costruzione obbedirebbe a logiche simboliche, più che meramente ingegneristiche.

Leggi tutto

Nuove piramidi: foto dal satellite

Piramidi: foto dal satellite
Leggi tutto: Nuove piramidi: foto dal satellite
Individuate due nuove (forse ndr) piramidi in Egitto.
A "scoprire" i profili dei resti di antiche costruzioni finora ignote (forse) agli archeologi è stata una ricercatrice, Angela Micol da Maiden, in North Carolina, che ha individuato le piramidi studiando minuziosamente le foto satellitari di Google Earth. L'area si trova a 20 km dalla città di Abu Sidhum vicino al Nilo nel governatorato di Minya.

Leggi tutto

Egitto: scoperta barca antichissima

Barca del Faraone Den
Leggi tutto: Egitto: scoperta barca antichissima
Risale al 3000 avanti Cristo circa, quando sull'antico Egitto regnava il faraone Den della prima dinastia, la più antica barca faraonica finora ritrovata.
A dare l'annuncio il segretario di Stato egiziano per le Antichità, Mohamed Ibrahim Ali.

Leggi tutto

Tombaroli a Giza

Giza invasa dai tombaroli
Leggi tutto: Tombaroli a Giza
Egitto - IL CAIRO - Il deserto attorno alle piramidi di Giza è diventato letteralmente un gruviera scavato in modo più o meno sistematico da bande di tombaroli alla ricerca di ricavi facili.
E’ lo scempio sistematico di uno dei grandi tesori dell’umanità.
Una riserva gigantesca di antichi reperti egizi (ben oltre 4.000 anni) viene depredata senza che la polizia faccia nulla.
Anzi, a sentire gli operatori turistici sul posto, in qualche caso i ladri agiscono in collusione con le guardie locali, qui come del resto in molti altri siti noti e meno noti in tutto l’Egitto.

Leggi tutto