monumenti Gli antichi egizi furono un popolo di grandissimi costruttori. In cima alle preoccupazioni di ognuno dei faraoni che si sono succeduti nei tre millenni della storia egizia c'è sempre stata quella di lasciare dei monumenti, degli obelischi, dei templi, delle sepolture che lo ricordassero ai posteri e lo rendessero immortale. A distanza di millenni, possiamo dire che in qualche maniera sono riusciti nel loro intento.

Enigma delle Piramidi - introduzione

L'Enigma delle Piramidi
Leggi tutto: Enigma delle Piramidi - introduzione
Prefazione dell'ottimo libro di Kurt Mendelssohn – L’ENIGMA DELLE PIRAMIDI. Storia – Oscar Mondatori.
In questo libro Kurt Mendelssohn avanza una teoria rivoluzionaria sul significato delle Piramidi d'Egitto, maestose e suggestive ma, ai nostri occhi, estremamente inutili. Eppure esse dovevano essere considerate in una luce ben diversa dagli antichi Egizi, che le costruirono con fatica quasi incredibile pur senza godere di un immediato, evidente beneficio. Mendelssohn esamina la storia delle Piramidi, il problema se esse furono luoghi di sepoltura o cenotafi, e le leggi fisiche e statiche che ne regolarono la costruzione. Analizzando tutti questi elementi, e soprattutto la forma singolare della Piramide di Meidum, egli giunge alla soluzione finale dell'enigma: ciò che importò agli antichi Egizi non furono le Piramidi in sé ma la loro costruzione. Esse furono un fatto politico ed economico necessario alla formazione di uno stato centralizzato.

Leggi tutto

Le piramidi dei costruttori di piramidi

Scoperte le tombe dei capimastri di Giza e quella di un celebre ambasciatore di Ramsete II. Le piramidi egiziane non le costruirono gli extraterrestri, ma operai e capimastri del tutto umani. Questa è una realtà mai messa in discussione né dagli archeologi, dagli egittologi, né dal comune buon senso, ma da qualche anno veniamo ammorbati da ciarpame fantarcheologico che riesce ad abbindolare i più ingenui. Per questo, la scoperta a poca distanza dalle celebri piramidi di Giza, di due piccole piramidi in cui vennero sepolti i capi mastri che lavorarono alla costruzione, delle sepolture dei primi faraoni, merita un'attenzione speciale. Le due piccole piramidi misurano una trentina di metri di lato, vennero realizzate in mattoni e completate con un rivestimento di blocchi di calcare.

Leggi tutto

La Valle dei Re - Storia e scoperta

Testi tratti dall’ottimo libro di Christian Jacq: LA VALLE DEI RE - Storia e scoperta di una dimora eterna. Edizioni: Oscar Saggi Mondatori.

"La Valle dei re. Il suo solo nome ci proietta nel sogno!" scrive Howard Carter [Il grande egittologo Howard Carter], lo scopritore della tomba di Tutankhamon [vedi anche Destini Incrociati - Carter e Carnavon]. "Tra tutte le meraviglie dell'Egitto, non ce n'è una che colpisca altrettanto l'immaginazione. Qui, lontano dal frastuono della vita, in questa valle desertica, dominata dalla "cima" come da una piramide naturale, giacciono una trentina di re." Sulla Valle dei re, il sito più famoso e più visitato dell'Egitto faraonico, aleggia ancora un'ombra di mistero, e numerosi rimangono gli enigmi che la riguardano.

Leggi tutto