religione Antico Egitto "Per recuperare la profonda emozione che può dare l'antica e grande religione egizia, cioè quella stessa che ha informato e ispirato gran parte delle successive religioni, dobbiamo liberarci dei preconcetti e dei più scontati luoghi comuni che ce la fanno apparire come una selva intricata di dèi dalle mostruose teste animalesche, distaccata da ogni istanza umana ed ottenebrata da un angoscioso terrore dell'aldilà. Dobbiamo ripercorrere quei momenti di smarrimento e di estasi, di dubbio e di fede che travagliano l'uomo nella ricerca della verità, nel tentativo di dare un senso alla realtà apparente, una ragione alla nostra stessa vita ed a quella dell'universo." (...)
Alberto Carpiceci (Arte e Storia dell'Egitto).

KHEPRI - KHEPER, KHEPRA - Lo scarabeo

Il sacro scarabeo oggetto di venerazione già nei Testi delle Piramidi, anche se in questi non figura ancora come divinità a sé stante. Il sacerdozio di Heliopolis lo trasformò in divinità solare, e più precisamente nell’aspetto mattiniero dei sole: « Io sono Khepri ai mattino, Ra a mezzodì e Atum alla sera ».

Leggi tutto

IUF-RA - KA - Divinità egizie

IUF-RA: l’aspetto del dio Sole Ra nel suo viaggio notturno agli inferi, allorché, immobile, naviga sulla barca notturna assumendo la testa di ariete. Lett. iwf equivale a « il corpo, il cadavere » significando che per visitare i morti occorre rendersi simili a loro.

KA

UNO dei principi costitutivi dell’individuo rappresentante l’elemento di contatto tra il corpo fisico ed i principi spirituali d’ordine superiore quali l’Akh e il Ba. È tradotto approssimativamente con « doppio », « corpo astrale » ecc.

Leggi tutto

ISIDE - Divinità egizia

ISIDE - FIGLIA di Nut (la dea del Cielo) e di Geb (il dio della Terra), sorella e sposa di Osiride con il quale divise il regno sull’Egitto nelle mitiche dinastie dìvine. Affiancò il marìto nella diffusione dell’agricoltura, delle arti domestiche, delle scienze, tra cui la medicina.

Leggi tutto

ANUBIS - Divinità Egizia

Divinità egizia protettrice della necropoli, preposta ai riti funerari ed alle operazioni di mummificazione del defunto. È antropomorfo-zoocefalo e l’animale che lo rappresenta è stato, in genere, considerato lo sciacallo. In effetti ad Assiut vi era una divinità (Anubis o Upuat) che aveva l’epiteto di Zabshemai, «Sciacallo dell’Alto Egitto».

Leggi tutto

IMHOTEP L'architetto divinizzato

HOTEP - ARCHITETTO e consigliere di re Zoser [Djoser (Zoser)] della II dinastia. Costruì a Sakkara la prima piramide quella a gradini, per successive sovrapposizioni di ma.staba, le tombe trapezoidali a forma di pan. Ca. La sua reputazione di saggio era già ampia mente diffusa nel Medio Impero ed aumenti progressivamente, sfociando nella sua divinizzazione in epoca saitica.

Leggi tutto

HORO L’ANTICO - Dio egizio

Divinità solare antichissima il cui nome deriva da hr designante nello stesso tempo il cielo ed il falco. Per tale motivo questa divinità venne associata a tale animale e riprodotta in genere nell’aspetto antropomorfo ieracocefalo. I suoi due occhi furono considerati il sole e la luna. Ebbe come centro di culto principale Heliopolis ove già preesisteva il dio solare Ra. Il sacerdozio eliopolitano determinò la sintesi delle personalità divine in Ra-Harakhti cioè Ra « Horo dei due Orizzonti ».

Leggi tutto

HORO IL GIOVANE - Divinità antico Egitto

Figlio di Osiride e di Iside (cfr.). La versione mitica della sua nascita, secondo Plutarco, si basa sul ritrovamento da parte di Iside della testa dello sposo Osiride, smembrato dal fratello Set. Infatti gli occhi di Osiride si aprirono e il raggio di amore che ne partì fece concepire ad Iside il figlio Horo.

Leggi tutto

HERSHEF - ARSAPHES - Divinità Egizia

Da Herishef = «Colui che è sul suo lago». Essere divino il cui culto risale all’epoca predinastica con centro a Herakleopolis Magna nel Fayùm, identificato dai Greci con Herakles. Fu considerato una forma di Osiride (cfr.) e in questo caso ebbe l’aspetto antropomorfo criocefalo.

Leggi tutto